Andy Warhol’s Stardust

WARHOL NELLA POLVERE…DI STELLE

E’ magica, colorata, allegra, luccicante e molto molto pop, la mostra “Andy Warhol’s Stardust” al Museo del Novecento di Milano (5 aprile – 8 settembre 2013), nonostante metta in luce icone di un passato lontano – Greta Garbo – e oggetti del quotidiano ormai stranoti grazie forse più all’artista che per l’oggetto in sé – Campbell soup docet -.
Si passa dalla intramontabile Marylin ai “flowers” perenni, per attraversare opere meno note come la cronaca vera del razzismo made in Usa degli anni Sessanta, o alle copertine della rivista “Interview” in cui Andy spruzzava stardust sugli sconosciuti dal futuro sicuro.
La sua filosofia del “fare un quadro al giorno” lo ha portato a creare il filone del popolare-democratico, appendendo chiunque al muro, rendendolo unico nella massa.
“Mi resi conto che qualsiasi cosa facessi non poteva essere che morte”: e questo concetto lo ha espresso col colore, la gioia, il divertimento di una professione all’eccesso senza eccedere.
Come? Per esempio, “Decisi di diventare grigio così nessuno avrebbe saputo la mia età: e io sarei sembrato più giovane di quanto vecchio la gente pensava che io fossi”.
Un tocco di grigio qui, un po’ di polvere là, una macchia di colore dove tutto sembra solo bianco e nero, e voilà, diventi immortale.
Chapeau, Andy!

Perché andare: perché mette allegria ed è gestibile secondo il tuo tempo.
Con chi andare: perfetta per sorridere da soli, ma se vuoi scambiare quattro chiacchiere è da proporre a qualcuno con cui hai fatto un pezzetto di passato insieme. Così da dirvi: “ti ricordi…?”

 Warhol: Sunset 1972

Sunset

Andy Warhol, 1972

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...