Un castello in Italia di Valeria Bruni Tedeschi

Valeria Bruni Tedeschi, single del giorno

valeria-bruni-tedeschi_280x0

 

 

 

 

 

Un castello in Italia di Valeria Bruni Tedeschi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

UN CASTELLO IN ITALIA

Ci sono proprio tutti nel castello: la madre scema ed egocentrata, il

fratello malato di aids, la fidanzata annichilita, l'”ami” più giovane

e quindi immaturo, la famiglia di lui che la venera, il vecchio amico

caduto in disgrazia che fa il grillo parlante, il maggiordomo troppo

accudente, lei che è nevrotica e cerca di “fare spazio alla vita nella

mia vita”, il simbolo dell’albero malato che va abbattuto e, tra un

personaggio e l’altro, un  attacco all’ipocrisia della chiesa.

Manca l’anoressica, o la bulimica, ma per il resto il film di Valeria

Bruni Tedeschi dà spazio a tutte le voci di una società avvelenata di

cultura stereotipata, provinciale, cattolica, borghese e anche

inutile, composta dai nati tra il dopo guerra e gli anni ’80. E siamo

in un bel po’.

E’ un film che disturba e che non bussa prima di entrare, e che, per

fortuna, ti fa dire: “io non voglio essere così”.

 

Perché vederlo: perché non si può andare al cinema solo per farsi

quattro risate.

Con chi vederlo: con chiunque abbia poi voglia di rientrare a casa

senza troppo parlare.

UN-CASTELLO-IN-ITALIA-LOCANDINA-432x577

CI DICI LA TUA PER FARLA NOSTRA…?

Annunci

One thought on “Un castello in Italia di Valeria Bruni Tedeschi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...