Sul tracciato della verità nel raccontare

LVb3DyhE9wD4lRPs1FGAlxPAje1MNehYPwHQSpPSspDUlVxGXoHe8_9jpfc5zNHB95zBt_E=s112Alberto Cavallari, 1.9.1927-20.7.1998, Single of the Day

 

 

Con te siamo fuggiti dalle ristrettezze del pensiero e corsi verso l’illusione. Grazie professore!

 

“Ma la notte era nera come l’inchiostro, sbagliò la strada che conduceva al pavillon, finì in un intrico di cespugli, si punse, urtò contro gli alberi, cadde, perse il cappello, non riuscì a trovarlo, uscì a fatica dalle macchie, tornò alla casa, prese un altro cappello, uscì di nuovo, con una lanterna poté raggiungere la scuderia ordinando che si attaccasse. Mentre arrivavano Sasa, Dusàn, Varvara, Tolstoj tremava sempre, temeva l’inseguimento. Poi, finalmente,  fu la partenza in direzione di Jàsenki, Scokino.” (da La fuga di Tolstoj – Garzanti)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...