Biagio Antonacci – Non vivo più senza te

Biagio Antonacci, single del giorno

Biagio Antonacci - Non vivo più senza te

 

 

 

 

 

 

 

The Aunt’s Story by Patrick White

Patrick White (1912 – 1990), single del giorno
The Aunt's Story by Patrick White

(…). But Theodora was happy. The glare had half closed her eyes. She wandered half alone in the tune her sun-thinned lips hummed, in the smell of the crowd, and the bellowing of bulls. There are times when the crowd and the sun make the individual solitude stronger and less assailable than bronze”.
(…). He chewed popcorn, chewing for confidence, the white and pappy stuff that is a decadence of corn.
Theodora heard the difference between doing and being. The corn could not help itself. It was.  But the man scrabbled on the surface of life, working himself into a lather of importance under his laundered shirt. She heard the man’s words, which were as significant and sad as the desperate hum of telephones wires, that tell of mortgages, and pie, and phosphates, and love, and movie contracts, and indigestion, and real estate, and loneliness.
The Aunt's Story by Patrick White

Édouard Manet,
Sur la plage
1873

La vacanza di Paolo

Ricevo da Paolo e volentieri faccio “posto”.

 

Non è la foto dove vado in vacanza,

ma NON è molto diverso da com’è la mia vacanza ideale:

solo, nella calca, sono davvero con me.

                                                                                                                                                                                              Paolo P.    

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 

La vacanza di Paolo

(Ostia, 2005, foto by  Massimo Sestini)

Single da spiaggia

Single da spiaggia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

OK, lo ammetto, sono una single d’alto bordo: che vuol dire che ho scelto di essere single e che me lo posso permettere. Perché diciamocelo – e chi può provare il contrario scagli la prima pietra – ci sono dei grandi vantaggi a stare in due: bollette alla posta, spesa del vino dell’ultimo minuto, “svegliati prima tu che io rimango a letto altri 5 minuti” (da soli è un po’ scemo dirselo, no?), porta fuori tu il cane che io non posso, rispondere al vicino rompiscatole, e via immaginando…Per cui ha i suoi costi essere single. Quindi, se capita l’occasione di diventare coppia, almeno un pensiero io ce lo faccio. E le occasioni con la spiaggia si moltiplicano. Corpi nudi, più o meno bianchi o mollicci, più o meno palestrati o tatuati, più o meno troppo maschili o troppo femminili. Si vede tanto e, forse, troppo. E si guarda. Io no, ma non perché sia d’alto bordo, ma perché senza gli occhiali non vedo abbastanza e perché mare per me fa rima con nuotare e dormire sulla sabbia. Punto. E non scherzo. Se non che, può capitare – ancora?? – che qualcuno veda me. E in effetti mentre sto riposando, con accento straniero e modi gentili mi chiede: “Qui c’è un bar?”

Altrettanto gentile – ma breve – gli rispondo che c’è, ma apre tra una mezz’ora e che è laggiù. Sollecitata dal gentil straniero gli rispondo di nuovo che un altro è a un paio di centinaia di metri più in là.

“Ah – commenta lui un po’ triste – è un po’ lontano. Allora aspetto questo qui e magari posso offrire un caffè…? Beviamo insieme un caffè?”

Il povero domanda speranzoso, ma la galanteria non nasconde che ci sta provando.

“No, no, grazie, non mi muovo”.

Più chiara di così.

Allora lui si allontana, da vero gentleman, e si sdraia alla giusta distanza per contemplarmi senza infastidirmi.

Io non do più segni di vita.

Dopo una buona mezz’ora raccatta tutto il suo bagaglio per ricominciare a vendere gli asciugamani sulla spiaggia. Ora, io non sono classista, però non posso non sottolineare che chi mi offre il caffè è il venditore ambulante, e non quello che vende pashmine o coralli, ma gli asciugamani.

C’è chi si chiederà, lo so, se era carino, almeno quello. Beh, no, neppure quello.

L’ho detto io che sono single d’alto bordo.